DOT.ASAHI.COM: “Le voci negative continuano a diffondersi” Tuttavia, perché creare una raccolta fondi per la ricostruzione del castello di Shuri?

È passato un mese da quando il castello di Shuri è stato incendiato. Il giorno dopo l’incidente, il cantante di Okinawa, GACKT-san (46), dichiarò “Muovetevi” sul suo Instagram e una settimana dopo annunciò che avrebbe venduto un certo “Articolo per la ricostruzione del castello di Shuri”. Quali sentimenti e convinzioni hanno portato a questo?

Qui, rivelerà il suo “amore” per Okinawa, dove ha trascorso la sua prima infanzia, la discriminazione dai continenti e la sua opinione sulla sua città natale.

*  *  *

――Il giorno in cui GACKT-san ha proclamato “Farò del mio meglio per accelerare il suo restauro” sui SNS è stato un giorno dopo l’incendio del castello di Shuri. E subito dopo, hai annunciato la potenziale vendita di “Merce per la ricostruzione del castello di Shuri”. Per favore, condividi con noi i tuoi pensieri a riguardo.

Ero all’estero quando è successo l’incendio. Ho ricevuto un messaggio che diceva “Sta bruciando” di notte, ma all’inizio non riuscivo a capire di cosa si trattasse. Quando ho visto il video sulla notizia, ero così scioccato che inizialmente ho pensato che fossero notizie false. Quando ho capito che era vero, ho pensato: “Mi stai prendendo in giro …”. Non sopportavo di stare in quel posto a guardare.

Dopo di ciò, ho iniziato a ricevere tonnellate di messaggi che dicevano cose come “Muoviamoci insieme” e “Se c’è qualcosa che posso fare per aiutare, mi piacerebbe” da Okinawa, le persone che hanno visitato il Castello di Shuri e coloro che si sono sentiti attaccati Okinawa e Shuri Castle. Certo, personalmente avevo intenzione di fare qualcosa, ma non mi aspettavo che così tante persone venissero da me e dicessero “Per favore, fai qualcosa”. Normalmente guardo tutti i miei messaggi di Instagram, ma questa volta il numero è stato semplicemente travolgente. Con quello incluso, il giorno dopo, ho annunciato: “Lo farò”.
Successivamente, ho detto al mio ufficio “credo che ci sia qualcosa che devo fare”, e tutti hanno risposto, “Se è quello che dici, allora non c’è altra opzione”.

Ho anche fatto una donazione personale, ma fatto solo quello, non farò la mia parte. Non intendo costringere nessuno a fare qualcosa, ma credo che il nostro lavoro (come celebrità) sia quello di fare di più che distinguerci. Dobbiamo fare cose che aumentino il numero di persone che vogliono aiutare, anche se solo un po’. Ecco perché è più significativo per me creare una piattaforma per la partecipazione delle persone invece di dire semplicemente “Ho fatto una donazione”.

È particolarmente vero questa volta. Con il castello di Shuri, a cui anch’io sono molto affezionato, essendo stato trasformato in tale stato, ho pensato anche a cosa avrei potuto fare come un Uchinanchu*. Questo anche perché ricordo chiaramente l’ultima volta che ho visitato il Castello di Shuri durante le riprese del dramma storico Tempest (trasmissione 2011) della NHK, quando ho fatto una scena in cui ho camminato lungo le mura del Castello di Shuri. Mi hanno anche fatto entrare nella camera di stato e nei luoghi in cui le persone sarebbero state normalmente escluse e ho sentito qualcosa di profondamente emotivo da ciò. Penso che sarebbe bello riuscire a restituirlo a Okinawa, anche nel più piccolo dei modi, facendo quello che dovrei fare a modo mio.

―― Vedo. La tua vita privata è stata avvolta in un velo, quindi l’uso della parola “Uchinanchu” è stato così inaspettato …

No, beh, quelli che pensano che io sia avvolto nel mistero sono quelli intorno a me, ma in realtà sono molto aperto. Non nascondo nulla di Okinawa su di me o sulla mia vita privata.

I miei genitori sono Uchinanchu e ho vissuto a Okinawa fino a quando avevo 7 anni, ma successivamente mi sono trasferito nell’entroterra (sull’isola principale). Sono tornato ad Okinawa una volta quando avevo 16 anni, ma da allora sono stato via e la volta successiva sono tornato quando avevo 26 anni. Ecco perché mia sorella maggiore può parlare Uchinaguchi (lingua di Okinawa), ma posso parlare solo in frasi spezzate.

―― Alcune volte, aggiungi “sa” alla fine delle tue parole, ma “sa” viene da Uchinaguchi?

Ahaha (lol). Immagino che i manierismi vocali di mia sorella si siano cancellati. Anche se pensavo di parlare in giapponese standard (lol).

Ma anche se il mio Uchinaguchi non c’è più, sono molto orgoglioso di essere di Okinawa. I tempi stanno cambiando, ma quando ero discriminato da giovane. Non ha senso dirlo adesso, ma gli svantaggi non funzionano negativamente dentro di me e in quel momento, ho sentito, “sicuramente non perderò”. Quando sono all’estero, mi è stato chiesto (da dove vengo), e in quei momenti, mi rendo conto che considero la mia nazionalità come Okinawa e che non devo fare nulla che possa mettere in imbarazzo Okinawa. Forse quelli che vivono lontano da Okinawa si sentono così più di quelli che risiedono lì.

Ho sempre guardato Okinawa dall’esterno, quindi mentre c’è una parte di me che lo fa con molta calma, c’è anche un’altra parte che lo ama al contrario di quelli che risiedono lì. Quando vado nella regione e mi viene chiesto, “Cosa vuoi mangiare?”, Spesso rispondevo con “Andiamo a mangiare la cucina di Okinawa”.

Quando guardi da lontano, capirai molte cose. Ad esempio, Kinchou, la parte centrale dell’isola principale, aveva un forte fascino nell’atmosfera della città unica di Okinawa. Ma ora è troppo modernizzata e finisce per non sentirsi diversa da qualsiasi altro posto nell’entroterra.

Questa è la mia teoria, ma ci sono molte città e regioni in Giappone che si sono modernizzate. E con queste città modernizzate, sembrerà all’avanguardia solo nel momento in cui sarà completata, ma solo 5-10 anni dopo, si trasformerà in una città vecchia o arretrata.

Cercare di mantenere i vecchi paesaggi urbani non rende obsoleti. Se amiamo i bei vecchi tempi, lasciare che tali cose così care esistano ovunque si trasmetterà la sua importanza a tutti. Questo è ciò che toccherà il cuore di una persona e farà desiderare alle persone di venire a vedere cose come queste. E così, attirando le persone, diventa un’attrazione turistica.

―― 7 anni fa, hai iniziato a vivere in Malesia e ci sono buoni punti e punti problematici che possono essere osservati solo perché sei all’estero, giusto?

Anche quello sì. Quando si tratta di preservare la cultura e la storia, il Giappone ha onestamente superato il punto di non ritorno. Persino Kyoto e Kanazawa si stanno costantemente modernizzando, nonostante Kyoto sia una città in cui la cultura dovrebbe essere particolarmente protetta.

In Europa, gli edifici storici e i paesaggi urbani sono protetti da leggi così rigide da richiedere un permesso per distruggere qualsiasi edificio. Non pensi che il Giappone debba conservare edifici e paesaggi che sono unici anche per quelle città? Se non iniziamo a pensarlo come un impegno nazionale per conservare la nostra cultura e trasformarla in una fonte di turismo, perderemo costantemente qualcosa di molto prezioso per noi. Sento fortemente questo senso di crisi.

―― L’articolo di supporto per la ricostruzione di questa volta potrebbe essere un’opportunità per gli acquirenti di iniziare a pensarci.

È solo una mia opinione, quindi non è qualcosa che sto cercando di imporre alle persone. Penso solo che, più di ogni altra cosa, vi sia un significato nel riunire i sentimenti di tutti. Anche se è un vero peccato che molti materiali e il castello di Shuri, il simbolo di Okinawa, siano stati bruciati, penso che sarebbe bello se le persone sia fuori che dentro la prefettura possano condividere il pensiero: “Ricostruiamo Shuri Castle ancora una volta con l’aiuto di tutti”. Ciò che sarà ricostruito sarà davvero un nuovo remake, quindi potrebbero esserci persone che diranno che non è la cosa reale. Ma se un nuovo inizio può nascere dalle emozioni delle persone che vengono messe lì, il significato dietro di esso supera di gran lunga quello di una semplice ricostruzione. Questo è estremamente importante.

L’atto di mettere solo un po’ dei tuoi sentimenti in esso senza trattarlo come il problema di qualcun altro. Questo è il tipo di supporto che voglio.

―― Quando hai fatto il tuo “ritorno trionfale” all’Okinawa International Movie Festival del 2017, la tua scelta di parole nel dire “Voglio aiutare Okinawa” ha lasciato un’impressione. Celebrerai il tuo ventesimo anniversario di attività da solista e inizierai il tuo tour nazionale a gennaio, quindi c’è stato un momento in cui hai cambiato idea mentre costruivi la tua carriera?

Il momento in cui ho fatto un piccolo ripensamento dentro di me è stato nel 2003, quando ho celebrato il mio trentesimo compleanno. Ho una costituzione debole per cominciare, quindi ho deciso che la mia vita sarebbe finita a 30 anni. Ecco perché ho deciso che avrei semplicemente scattato fino a quel momento, ero impaziente di fare tutto ciò che dovevo fare, ed avevo anche paura. Sono andato da solo a 26 anni e ho cercato di lasciare una sorta di segno. In ogni caso, ero disperato con me stesso e non potevo permettermi di pensare a nient’altro.

Tuttavia, nel momento in cui ho superato il limite di 30 anni, immagino che potresti dire che ero sollevato ma la mia paura della morte è scomparsa. Ad esempio, non mi dispiace morire ogni volta perché ho fatto del mio meglio per arrivare qui. Sono arrivato a decidere che passerò ogni giorno sorridendo e senza rimpianti. Il tempo trascorso da quel giorno in poi è considerato per me il resto della mia vita. E che questa vita che sto vivendo da quel momento in poi sarà per il bene di lasciare qualcosa per qualcun altro, per adempiere al mio dovere di adulto. Da quel momento in poi sono diventato in grado di fare una varietà di cose.

Ma, onestamente, ciò non è dovuto a una determinata causa o qualcosa del genere. Sto solo prendendo provvedimenti da solo. Il personale dell’ufficio che lavora per me fa fatica (lol).

―― Hai anche offerto volontariato e raccolto fondi al momento del terremoto del Grande Giappone orientale, vero?

Durante quel disastro, in un momento, ho pensato: “Devo farlo”, e ho immediatamente chiamato Kawasaki Mayo-san, che ha una rete considerevole nel settore dell’intrattenimento per discutere di cose con lui. Mayo-san ha chiamato le persone per me, ha raccolto circa 100 tonnellate di rifornimenti da tutto il Giappone e siamo riusciti a consegnare tutto alle aree colpite in una settimana. All’epoca faceva un freddo anomalo e anche le autostrade erano bloccate, quindi con la nostra priorità di consegnare le forniture il prima possibile, ho sfruttato tutte le mie connessioni. Ho anche organizzato un veicolo a benzina di Kansai per portare benzina e cherosene. Dopo averlo fatto, mi sono offerto volontario nelle aree colpite, ho istituito un fondo per la ricostruzione e poi ho condotto una raccolta di donazioni stradali in tutto il paese.

Lavoravo 24 ore al giorno durante il periodo dall’11 marzo al 1 aprile, quindi dormivo a malapena. Poiché i miei amici provenienti da tutto il paese mi chiamavano costantemente, ricevevo messaggi da oltreoceano che dicevano che volevano aiutare, in realtà stavo facendo entrare persone dalle aree colpite a casa mia, e anche i miei amici continuavano ad andare e venire.

Ma è stato più difficile dopo. Ero già pronto a essere sicuramente attaccato da persone che fanno affari scrivendo pettegolezzi e storie simili, ma è stato molto peggio di quanto pensassi. Stavano criticando il modo in cui le persone hanno speso i loro sforzi e, per finire, sono persino arrivate a dire che stavo rubando dalle donazioni… È stato terribile. Ma ho lasciato perdere la tristezza e ho riso. Ho anche pensato che stessero sbagliando le loro priorità dicendo cose del genere.

I membri della mia band mi hanno anche chiesto: “Non è doloroso?”, Ma l’atto di offrire a qualcuno gentilezza è accompagnato dalla risoluzione e dalla responsabilità di affrontare qualsiasi cosa succeda dopo. Ad esempio, quando guidi, devi dare la precedenza a qualcuno che non può cambiare corsia. Se non succede nulla, diventerà un atto gentile, ma se quella persona frena all’improvviso tu freni. Quando quella persona esce dalla macchina e ti dice “Dove diavolo stai guardando quando guidi?”, Cosa fai? Se pensi: “Non avrei dovuto lasciare il posto a loro”, allora non sei abbastanza risoluto per cominciare.

Certo, non stavi cercando una sorta di ricompensa, ma c’è anche la possibilità che sarai ricambiato con l’ostilità o essere attaccato da una prospettiva irragionevole. Se non hai la risoluzione per accettarlo, non dovresti farlo in primo luogo.

―― Quindi stai offrendo questo “Merce del Castello di Shuri” con la stessa risoluzione?

Farò quello che dovrei fare. Non sono un’autorità leader nella ricostruzione, quindi se posso aiutare le persone che stanno ricostruendo il Castello di Shuri solo un po ‘, allora riprenderò quella parte.

Anche ora, ci sono ancora storie su di me che le donazioni per appropriazione indebita iniziano con scritte online e arrivano nelle notizie oltreoceano fino a quando non mi sono stancato. Mi stanno facendo vergogna per quello che ho fatto e le voci negative sono costantemente in giro. Oh bene, non c’è niente che io possa fare al riguardo (lol).

―― Infine, se c’è una visione che speri riguardo al futuro di Okinawa, ti preghiamo di condividerla con noi.

Questo è più rivolto alle persone che vivono a Okinawa piuttosto che a Okinawa stessa, ma spero che non dimentichino l’orgoglio di Uchinanchu. Spero che coglieranno l’occasione per pensare a cosa devono proteggere come Okinawa.

Forse non dovrei davvero dire che include questioni storiche, ma in un certo senso siamo arrivati ​​così lontano accettando varie mura storiche. Ecco perché, in questa era pacifica, la cosa numero uno è che non possiamo perdere la concentrazione sulla pace. Dobbiamo guardare indietro al passato e mantenere quel senso di crisi mentre pensiamo a cosa dobbiamo fare come Okinawani. Ecco come mi sento.

(Intervistatore: Kinjou Tamayo, punto AERA. Dipartimento di redazione)

Note bene:

* Uchinanchu è il termine usato dagli immigrati di Okinawa per identificarsi come un gruppo etnico distinto dallo Yamatunchu o Naichi delle quattro isole principali del Giappone.
https://www.amazon.com/Uchinanchu-History-Okinawans-Center-Oral/dp/0824807499” rel=”noopener” target=”_blank”>Fonte

Fonte: dot.asahi.com

Traduzione: GACKT ITALIA Team

Traduzione © GACKT ITALIA Team

0.Comments

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    JON THE TRIBE

    (English) SPECIAL FEATURE

    FIND US ON
    facebook-xxl twitter-xxl instagram-xxl youtube-xxl tumblr-6-xxl
    OUR FEATURES
    BUY NOW
    GACKT on Spotify
    GACKT on iTunes